Category Archives: Sweden

Autunno

 

dsc00096-276

È arrivato l’autunno? Dopo una decina di giorni di cattivo tempo, sembra che l’autunno abbia deciso di aspettare ancora per un po. Oggi c’é stato un sole meraviglioso e un bel caldo. Spero che settembre e ottobre siano come gli anni precedenti, cioè con cielo limpido e l’aria che si raffredda pian piano col calare della traiettoria del sole. Stamattina alle nove un giro di jogging nel bosco. Sti sta proprio bene dopo.

Sentiero

Mi sono incamminato su un sentiero
che non svela ne direzione, ne destinazione.

Non voglio più ritornare indietro,
sono in cerca di me stesso
e di un nuovo spazio,
un posto dove mi posso fermare.

In fondo al sentiero vedo luce.

Sto paragone con la Svezia

Mamma mia come tutti fanno il paragone fra la Svezia e l’Italia. Siamo diventati di moda? Adesso un articolo col titolo “E se seguissimo il buon esempio” di Salvatore Giannella su Chiarelettere.blog.  (1) Magari non muoriamo al lavoro. Invece muoriamo sulla strada per il lavoro. E al lavoro invece crolliamo dagli sforzi con la conseguenza di lunghe assense per malattie psichiche, ansia di panico, dolori cronici ai muscoli etc etc etc. Non so quante migliaia di persone in Svezia che non sono stati pensionati in anticipo per questi motivi.

A proposito di Napoli. Questa é Saltholmen a cui si arriva in tram da Göteborg: Un posto molto popolare da come si può vedere dalla foto. Questa foto é stata presa sul sentiero che va alle delle rocce dove molti prendono il sole e fanno il bagno dopo il lavoro. Se vedete in fondo vedete bagnanti. nell’acqua a sinistra c’era una bicicletta nuova appena buttata dentro.

Non esagerate quindi con i paragoni per favore. Abbiamo pure noi problemi.

 

Saltholmen

 

Fai il lavapiatti e impara l’inglese

lavapiattibillgatesA questo titolo sono arrivato dopo aver letto un articolo in la Repubblica. È proprio questo che ho fatto sulla Stena Line per guadagnarmi un po di extra soldi mentre studiavo. E non ho fatto solo il lavapiatti. Ho pure fatto lo spazzino al Park Avenue Hotel, lavorato alla Volvo come truck driver, in ospedale a lavare sederi, in industria di carta, ogni estate un nuovo lavoro. E ho imparato l’inglese quando ero sui venti.

‘Non sanno l’inglese, hanno poche idee piuttosto confuse e scarsa capacità propositiva: sì, in fondo i ragazzi italiani sono davvero un po’ “bamboccioni”.’ Els Van de Water, senior manager delle Risorse Umane della multinazionale adesso a Roma, dice a proposito dei neolaureati tecnici italiani che “Il livello tecnico in diversi casi era eccellente, ma l’inglese un disastro.” Els Van de Water aggiunge “ci piace molto anche sapere se i ragazzi cercano di cavarsela da soli, magari facendo i baristi o i camerieri, possibilmente all’estero, per mantenersi agli studiGli italiano non documentano le loro diverse esperienze di lavoro e volontariato e mostrano di non capire cosa viene valutato all’estero.

Quindi, se vuoi venire in Svezia, impara bene l’inglese, con computer e Internet oggi non ci sono scuse. E scrivi nel tuo CV se hai lavorato come lavapiatti, bambinaia e altro. Perché se hai fatto il lavapiatti sapranno che non hai paura di sudare e se hai fatto la bambinaia hai imparato la tolleranza.

www.repubblica.it

Il sogno svedese

La Svezia non é soltanto “wellfare”. Queste foto che ho scattato oggi mostrano quella miseria nascosta che si puó trovare qui e la nelle cittá svedesi. Ovviamente qui si tratta di un rifugio di un emarginato che passa il suo tempo a raccogliere per strada ciò che trova interessante.

Miseria 3Miseria 2Miseria 1

 

Lill-Babs 70 anni

Eros RamazottiCosi per caso accendo la televisione e chi vedo se non Eros Ramazzotti in ripresa da Let’s Dance versione svedese di ieri sera, cantare “” con una copia di gareggianti. Non é che Eros Ramazzotti sia uno dei miei preferiti cantanti italiani ma non posso altro che rimanere e guardare e vedere l’intervista che seguiva, in cui Kristin Kaspersen della TV4 per finire, gli chiede di cantare “Tanti auguri” per la sua mamma Lill-Babs. Insomma questa ripresa con Eros, capisco dopo, era dedicata da Kristin Kaspersen alla sua famosa mamma Lill-Babs che oggi compie 70 anni.

Lill-Babs che si chiama Barbro Svensson é una cantante conosciuta da tutti qui, sin dagli anni sessanta. Io non sono un conoscitore della cultura svedese e Lill-Babs non mi é mai piaciuto tanto, ma riconosco diverse delle sue canzoni tipicamente svedesi. Questa canzone per esempio parla degli svedesi che sono cosí bravi a mettersi in coda:

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=CsLyZaJdB4g]

Nella iniziale intervista di Kristin Kaspersen alla mamma, si sentiva che c’era una relazione figlia – mamma, a quanto pare non senza complicazioni. Tra l’altro parlavano della difficoltá di fare carriera e allo stesso tempo essere mamma. Ma la figlia, professionista di TV ha bilanciato bene la serietá dell’argomento con il festeggiamento che poi é seguito con l’arrivo del resto della famiglia e amici. Un tipico compleanno svedese, ma con glamour e champagne.

Lill-BabsLill-BabsLill-BabsLill-BabsLill-Babs

Amazing youth

One very inspiring thing with my work is the possibility to follow my young students travel in life, among others their musical discoveries. After a science lesson about Big Bang, one of my students showed me and her classmates something she discovered through Dream Girls: Charice Pempengco a fifteen year old Philipine girl with an incredible voice.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=V5TafXFYCYg]