Pope Francis about faith and human relations

.

INTRODUCTION

At Catholic Mass, Sunday August 1, John 6,24-35 was read.

Pope Francis shared his interpretation of John 6,24-35 at his Angelus.
He focused on Jesus’ message about why the people came to him.

I liked his interpretation so much that I decided to share his speech with a separate post.
You can listen at his speech on https://youtu.be/-vQjcadTBLM

INDEX

.

Pope Francis  speech

ITALIAN ENGLISH
Cari fratelli e sorelle, Buongiorno.

La scena iniziale del vangelo nella liturgia odierna, ci presenta alcune barche in movimento verso Cafarnao. La folla sta andando a cercare Gesù. Potremmo pensare che sia una cosa molto buona, eppure il vangelo ci insegna che non basta cercare Dio.

Bisogna anche chiedersi il motivo per cui lo si cerca.

Infatti Gesù afferma “voi mi cercate non perché avete visto dei segni ma perché avete mangiato di quei pani, che vi siete saziati.


La gente infatti aveva assistito al prodigio della moltiplicazione dei pani ma non aveva accolto il significato di quel gesto.

Si era fermata al miracolo esteriore.  Si era fermata al pane materiale, soltanto lì, senza andare oltre al significato di questo.

Ecco allora una prima domanda che possiamo farci tutti noi.
Perché cerchiamo il signore?
Perché cerco io il  signore?

Quali sono le motivazioni della mia fede, della nostra fede? 

tentazione idolatrica. 

Abbiamo bisogno di  discernere questo perché tra le tante tentazioni che noi abbiamo nella vita,  tra le tante tentazioni, ce n’è una che potremmo chiamare tentazione idolatrica. 
E’ quella che ci spinge a cercare Dio, a nostro uso e consumo, per risolvere i problemi, per avere grazie a lui quello che da soli non riusciamo a ottenere per interesse.

fede  miracolistica 3 immatura
Ma in questo modo,  la fede rimane superficiale e anche mi permetto la parola, la fede rimane  miracolistica. 

Cerchiamo Dio per sfamarci e poi ci dimentichiamo di lui  quando siamo sazi.

al centro di questa fede immatura, non c’è Dio. Ci sono i nostri bisogni. Pensa ai nostri  interessi, tante cose. 

 una relazione di amore con Dio e Gesù.

E’ giusto presentare al cuore di Dio,  le nostre necessità. Ma il signore che agisce ben oltre le nostre attese, desidera vivere con noi anzitutto una relazione di amore.

E l’amore vero è desinteressato, è gratuito. 

Non si ama per ricevere un favore in cambio. Questo interesse è tante volte nella vita, noi siamo interessati. 

Ci può aiutare una seconda domanda, quella che la folla rivolge a Gesù.  
“Che cosa dobbiamo fare per compiere le opere  di Dio?”

E’ come se la gente provocata da Gesù, dicesse:  “Ma come fare per purificare la nostra ricerca di Dio?” 
Come passare da una fede magica che pensa solo ai propri bisogni, alla fede che piace a  Dio ?

E Gesù indica la strada. Risponde che l’opera  di Dio è accogliere colui che il padre ha mandato, cioè accogliere lui stesso, Gesù. 

Non è aggiungere pratiche religiose, osservare speciali precetti. 

E’ accogliere  Gesù. E’  accoglierlo nella vita.  E vivere una storia di amore con Gesù.
Sarà lui a purificare la nostra fede. Da soli non siamo in grado.Ma il signore desidera con no un rapporto d’amore.
Prima delle cose  che riceviamo e facciamo, c’è lui da amare. 

C’è una relazione con lui che va oltre le logiche dell’interesse e del calcolo.

Questo vale nei riguardi di Dio. 

 

relazioni umane e sociali.

Ma anche vale nelle nostre relazioni umane e sociali. Quando cerchiamo soprattutto il soddisfacimento dei nostri bisogni, rischiamo di usare le persone e di strumentalizzare le situazioni per i nostri scopi.

Quante volte abbiamo sentito  da una persona“Ma questo usa la gente e poi si dimentica” Usare le persone al proprio profitto.  E’ brutto questo.
E’ una società che mette al centro gli interessi invece delle persone. E’  una società che non genera vita. 

L’invito del vangelo è questo:  

Piuttosto che essere preoccupati soltanto dal pane materiale che ci sfama, accogliamo Gesù come il pane della vita. E a partire dalla nostra amicizia con lui,

 impariamo ad amarci tra di noi,  con gratuità e senza calcoli.  Amore gratuito e senza calcoli, senza usare la gente, con gratuità, con generosità, con magnanimità.

 

Preghiamo ora la vergine santa, colei che ha vissuto la più bella storia d’amore con Dio perché ci doni la grazia di aprirci all’incontro con il suo figlio.

Dear brothers and sisters, good morning. 
The opening scene of the gospel in today’s liturgy,  
he introduces us to some boats moving towards Capernaum. 
 
The crowd is going to  
seek Jesus. We may think it is a very good thing, yet the gospel  
it teaches us that it is not enough to seek God. We must also ask ourselves why we seek him.
 
In fact, Jesus affirms “you are looking for me not because you have seen   signs but because you ate those loaves, which you satiated “
 
In fact, the people had witnessed the prodigy of the multiplication of the loaves but had not  accepted the meaning of that gesture. 
 
They stopped at the outward miracle.  It stopped to material bread, only there, without going beyond the meaning of this.

T
hen a first question that we can all ask ourselves. 
Why are we looking for the lord?
Why I’m looking for the  Lord?What are the reasons for my faith, our faith? 

 
Idolatric tentation

We need to
discern this because among the many temptations we have in life,   among the many temptations, there is one that we could call idolatrous temptation. 
 
It is what urges us to seek God, for our own use and consumption, to solve problems,  to have, thanks to him, what we alone cannot obtain out of interest.
 
Miracolistics and immature faith
But in this way the faith remains superficial that even I allow myself the word, the faith remains  
miraculous. 
 
We look for God to feed us and then we forget about him when we are full of food.
 
at the center of this immature faith, there is no God. There are our needs. Think of our interests, many things. 
 
A relation of love with God and Jesus

It is right to present our needs to the heart of God, But the Lord  
who acts well beyond our expectations, wishes to live with us above all, a relationship of love.
 
A
nd true, selfless love is free. 
One does not love to receive a favor in return. This

interest is so many times in life. We are interested. 

 
 
A second question can help us,  
the one that the crowd addresses to Jesus. What must we do to do the works  of God? It is as if the people provoked by Jesus, he said. But how to purify  our search for God? 
How to pass from a magical faith that only thinks about your own needs,  to the faith that pleases God?
 
Jesus points the way. He replies that God’s work is to welcome him 

that the father sent, that is, to welcome Jesus himself. 

 

It is not about adding religious practices, observing special precepts.

It is welcoming  

Jesus. And welcome him into life. It is to live a love story with Jesus.
He will purify our faith. 
Alone we cannot. But the gentleman wishes with us
a love relationship. 

Before the things we receive and do, there is him to love. 

 

There is a relationship with him that goes beyond the logic of interest and calculation.
 
This applies to God 
but it also holds true in our human and social relationships.
Human and social relations
 
When we seek above all the satisfaction of our needs,  
we risk using people and exploiting situations  
for our purposes. How many times have we heard from a person

“But this uses people and then they forget” Use people for their own profit. This is bad. 

It is a society that focuses on interests instead of people it is a society that does not generate life. 

The invitation of the gospel is this:

Rather than being concerned only with the material bread that feeds us, we welcome Jesus as the bread of life. And starting from our friendship with him,

we learn to love each other freely and without calculations. 
Love free and without calculations, without using people, with gratuitousness, with generosity, with magnanimity. 
 
Let’s pray now to the holy virgin the one who lived the most beautiful love story with God because there  
grant us the grace to open ourselves to the encounter with your son.

 

 

.

conclusion

Pope Francis surprises me every Sunday, This speech made me look at all those miracle stories with new eyes.

.

Contact me on Facebook

it is impossible to have a dialog on this WordPress dialog. I have tried different tools to avoid spam.

You find me on Facebook. You are welcome to contact me there. Send me a message to present yourself and I will be pleased to talk with you about this and other issues.

Leave a Reply